Pride: un film da vedere!

E’ l’estate del 1984, Margaret Thatcher è al potere e il sindacato nazionale dei minatori è in sciopero, un gruppo di attivisti gay e lesbiche decidono di mobilitarsi per raccogliere fondi per gli scioperanti e le loro famiglie. Destinatario di questa solidarietà spontanea è il villaggio minerario nel Galles. Questo è a grandissime linee da dove parte Pride, film britannico diretto da Matthew Warchus che ha destato reazioni positive sia dalla critica sia dal pubblico e non è difficile capire perché. Pride ridona fiducia nel genere umano raccontando una storia di solidarietà durante una pagina nera della storia britannica, quando sotto la guida della Thatcher vennero violati ripetutamente i diritti civili elementari di molti gruppi sociali britannici portando, di fatto, a una sospensione della democrazia in Inghilterra.

Trailer che promettono bene: Southpaw di Antoine Fuqua con Jake Gyllenhaal

Trailer che promettono bene: Southpaw di Antoine Fuqua con Jake Gyllenhaal

Jake Gyllenhaal è uno dei miei attori preferiti e non ne ho così tanti di preferiti, se ne conterranno sulle dita di una mano. Sì, ovviamente ci sono le crush attoriali momentanee ma quelle vere, quelle che durano e resistono anche alle scelte poco felici degli attori, sono poche, una di queste è proprio Jake. La scelta poco felice nel suo caso è stata fare Prince of Persia: The Sands of Time dopo averci deliziato con performance da oscar a partire dal blasonato Brokeback Mountain a Zodiac e Brothers.

Dallas Buyers Club: un film che vi entrerà dentro

Dallas Buyers Club: un film che vi entrerà dentro

Se state seguendo, da bravi cine dipendenti, la stagione degli awards 2014, avrete sentito nominare ormai fino allo sfinimento Dallas Buyers Club. Sulla bocca di tutti ormai grazie ai due attori protagonisti: Jared Leto e Matthew McConaughey che stanno facendo incetta di awards. Una cosa che mi ha sorpreso, in questi giorni, è stato apprendere che entrambi gli attori sono vittime di molti pregiudizi. Il primo perché ritenuto principalmente un cantante – falso, perché Jared Leto ha sempre portato avanti le due carriere in modo parallelo – il secondo a causa della sua filmografia passata, piena di commedie romantiche o film poco impegnati. Ecco, per togliersi qualsiasi dubbio in proposito consiglio di vedere Dallas Buyers Club. Dallas Buyers Club e la piaga dell’HIV E’ impossibile, infatti, parlare di questo film senza partire dalla straordinaria interpretazione dei due attori protagonisti. Matthew McConaughey per questo film ha letteralmente cambiato stile vita, dimagrendo 20 kg e acquistando una fragilità fisica che gli ha permesso di interpretare Ron Woodroof nel modo più realistico possibile. Siamo negli anni ottanta, in piena disinformazione, l’ HIV è ancora ritenuto, a torto, il “cancro degli omosessuali” e Ron, eterosessuale, scopre di essere malato quando già le sue condizioni sono molto gravi, tanto che la prognosi […]

Le cose belle del 2010: Cinema, serie tv, concerti, libri

Le cose belle del 2010: Cinema, serie tv, concerti, libri

Ecco qui, come ogni fine anno si fanno i bilanci: quali serie, musica o libri mi hanno colpito in questo 2010 (ovviamente è la mia classifica personale, c’è roba vecchia anche di 10 anni, ma che ho scoperto quest’anno). E, mi pare scontato aggiungerlo, si parla di cose belle che non rientrano nella sfera del “personale”. Ecco qui di seguito la mia personale Classifica, tenendo conto che il recupero in primavera di Queer ad Folk mi ha particolarmente provato, e lo vedrete .

Somewhere il film di Sofia Coppola- e quindi?

Somewhere il film di Sofia Coppola- e quindi?

Somewhere, premiato a Venezia con il leone d’oro, ultimo film di Sofia Coppola, era da 10 giorni che dovevo andare a vederlo oggi complice il brutto tempo sono andata allo spettacolo del tardo pomeriggio. Parliamo appunto di un film che ha vinto il leone d’oro cioè non il Razzie Awards, insomma.Quindi è naturale avere un’aspettativa medio-alta, cavolo ne parlano tutti come di un capolavoro, anche se ricordo che alla proclamazione a Venezia qualcuno a storto il naso e io da brava esterofila ho anche pensato :- “che provinciali questi giornalisti, vogliono solo che vinca un film Italiano, del resto poco gli importa” e invece beh, io non ho visto nessun capolavoro. Brevemente: Jhonny è un attore conosciuto di Hollywood, vive in un albergo, è triste e depresso, conduce una vita sregolata priva di legami veri, in viaggio continuo per promuovere film.

Brevi chiacchiere sui Film: Christmas Carol, The Ugly Truth e Vincere

Brevi chiacchiere sui Film: Christmas Carol, The Ugly Truth e Vincere

A qualsiasi lettore sarà capitato il famoso blocco. Mi sono resa conto di essere satura di libri, di storie e mi sono presa una lunga pausa, terminata (forse!) in questi giorni, con la lettura della Graphic Novel La neve se ne frega, anni fa avevo letto il libro e mi era innamorata della storia così commovente e delicata e la la graphic Novel non fa certo rimpiangere il libro. Ma questo vuole essere un post sui film visti di recente, infatti, se non ho letto, sono andata al cinema.