5 libri da leggere in primavera

5 libri da leggere in primavera

Ecco qui alcuni libri che mi hanno colpito, avrebbero meritato dei post singoli lo ammetto, ma non tutte sono letture recenti. Alcuni ormai li ho letti da un bel po’ e quindi sarebbe stato un po’ complicato ricordare i passaggi da menzionare. Diciamo che anche io leggo più volentieri post con 5/6 consigli di lettura, mi sembrano più fruibili. Quindi, ecco questo è il nuovo formato della rubrica (era una rubrica? boh!) di vita da lettrice.
Non volendo, la selezione è adatta proprio al periodo, sono libri che io associo alla stagione più calda, ma è tutto molto opinabile me ne rendo conto! Sono libri da leggere in primavera, ma potete leggerli anche sotto alla neve o sotto l’ombrellone. Fate un po’ voi, l’importante è leggerli!!

5 libri da leggere in primavera

Il Bosco Tana Fench

Questo è un thriller psicologico per nulla scontato, costruito molto bene. Il suo punto di forza però non è la storia in sé, ma come questa è stata legata a doppio filo ai protagonisti.
Io sono arrivata alla fine del libro con grande curiosità, ma anche con un misto di paura per quello che sarebbe potuto accadere ai due detective.
Ottimo, da leggere ora che sta arrivando la stagione calde. Oppure solo io associo il thriller con l’estate?

LEGGI ANCHE:Buoni propositi 2018: blog, libri e crescita personale

Ragazze Elettriche di Naomi Alderman

Questo libro è stato molto chiacchierato. The Power, questo è il titolo originale è uscito nell’autunno del 2016 in Gran Bretagna, in Italia è stato edito da Nottetempo, ed è diventato il primo romanzo di science fition ad aggiudicarsi Baileys Women’s Prize for Fiction.

Il romanzo di Naomi Alderman parte da una premessa importante: Cosa succederebbe se un potere soprannaturale fosse prerogativa delle donne? Come cambierebbe il rapporto tra uomini e donne? La società sarebbe ribaltata nelle sue fondamenta? Ragazze Elettriche è una cronaca di questo ribaltamento di forze. Le riflessioni che genera nel lettore sono tutt’altro che scontate.

Kobane Calling Zerocalcare

Le graphic Novel sono un genere che ho scoperto relativamente da poco, grazie soprattutto a Zerocalcare.

Kobane Calling a mio parere è il suo lavoro più maturo. E’ riuscito, infatti, in un’impresa non facilissima. Quella cioè di spiegare e creare empatia verso un popolo e una situazione politica, usando il suo tono, la sua ironia. Senza tradire le sue origini e la sua storia. Anzi, in Kobane Calling emerge probabilmente la parte più vera e profonda di zerocalcare. Se avete una conoscenza superficiale o nulla su Kobane sulla popolazione curda in Siria, beh questo libro sarà illuminate. E’ talmente bello e mi ha talmente toccato Kobane calling, che mi è anche difficile spiegare oltre perché dovreste leggerlo. Fatelo e basta!

LEGGI ANCHE: Libri da leggere: 10 libri +4 che metterò in valigia

Stoner John Williams

Esiste un libro più chiacchierato di Stoner? Praticamente lo hanno letto tutti e chi ancora non lo ha fatto, dovrebbe rimediare presto. Stoner è un romanzo bellissimo perché parla della vita, quella vera. Di un esistenza all’apparenza piatta, senza slanci ne rischi. La vita che sfugge dalle dita per paura di cambiarla, per la voglia di semplicità. Si vuole bene a quest’uomo alla fine anche se durante la lettura si viene attraversati da un misto di sentimenti contrastanti. Da leggere per forza.

On Chesil Beach Ian McEwan

L’ho letto da pochissimo, perché a breve uscirà una trasposizione cinematografica con Saoirse Ronan. Scritto magnificamente, ma questo è scontato quando si parla di Ian McEwan, è la storia  della prima notte di nozze di due giovani profondamente ingabbiati nelle loro fragilità e nel perbenismo del tempo. Quando ancora era il matrimonio era sinonimo di libertà , quando crescere e sperimentare era qualcosa che sarebbe venuto dopo il sì.
Anche questo ci sta proprio alla perfezione tra i libri da leggere in primavera ed è ottimo se prendete i mezzi pubblici. Basta un’andata e un ritorno dall’ufficio o dall’università per finirlo.

Ecco il trailer del film: